Caricamento
Contro il pensiero breve. Capire la crisi delle democrazie liberali
&

Contro il pensiero breve. Capire la crisi delle democrazie liberali

0 Ratings

Le democrazie liberali si stanno progressivamente trasformando in democrazie emozionali: alla rappresentanza degli interessi e delle istanze si è sostituita la delega delle pulsioni e degli istinti. Lo statista è stato rimpiazzato dal politico artificiale, prodotto in laboratorio dagli onnipresenti spin doctors che studiano gli algoritmi, analizzano i big data, pesano i sondaggi, sondano il web, contano i followers, carpiscono gli umori dell’opinione pubblica per convertirli prima in like e poi in voti. Le fratture sociali non vengono più riassorbite dalla mediazione dei partiti e il pensiero breve ha contaminato la comunicazione: ma la complessità dei nostri tempi può essere analizzata e compresa solo con una rinnovata consapevolezza basata sulla razionalità. Altrimenti, si rischia di andare incontro a un’instabilità cronica dei sistemi istituzionali dagli esiti imprevedibili.

Aggiungi alla Libreria

Panoramica

Questo saggio di Federico Cartelli merita non solo una prima, ma anche una seconda lettura, entrambe attente, benevole, simpatetiche.
La prima lettura per riflettere sulla diagnosi, accurata quanto dolorosa: il caos, le contraddizioni, la superficialità, il ‘presentismo’ in cui siamo immersi; l’estrema e pericolosa emozionalità che domina la vita pubblica e le istituzioni, non solo la comunicazione e i social media; lo svuotamento sempre più evidente dei partiti e della politica tradizionale; la trasformazione dell’homo videns – che già non era un granché, come sappiamo – in homo algoritmus, fatalmente e facilmente analizzabile, profilabile, spacchettabile, vendibile, sempre più oggetto e sempre meno soggetto di scelta.
La seconda lettura per ragionare sull’inizio di terapia suggerita da Cartelli. Il quale, consapevole della difficoltà e direi quasi dell’impossibilità dell’impresa, si limita saggiamente a indicare delle traiettorie, dei percorsi, delle direzioni di marcia. Cercare soluzioni nuove, anziché riproporre vecchi schemi: il vino nuovo difficilmente potrà essere ben conservato in otri vecchi. Recuperare spazi di razionalità nel discorso pubblico, o almeno tentare di ridurre l’area dell’emotività, della nevrosi, dell’isterismo collettivo. Ricostruire il gusto della visione, di un pensiero articolato, di risposte concrete che devono discendere da analisi complesse, contro il rischio di ricette istantanee e superficiali (dalla Prefazione di Daniele Capezzone).

Dettagli del libro
  • Autore: FEDERICO CARTELLI
    • Editore: La Vela
    • Lingua: Italiano
    • ISBN: 978-88-99661-24-3
    • Dimensioni: 12x18
      • Lunghezza: 96 pagine
Recensioni dei clienti

LIBRI DI &

CONDIVIDI QUESTO LIBRO

Registration

Forgotten Password?

X